29092016

About

Scuba

La carriera di Paul Rose, aka Scuba, nasce insieme a quella della sua etichetta Hotflush.

Nata nel 2003, la label inglese ha sin da allora orientato la scena underground inglese, ergendosi a pietra miliare dell’elettronica anglosassone.

Portatori di un suono unico, Scuba e la sua Hotflush hanno nel corso degli anni ridefinito il concetto di musica techno: dalla underground garage fino alla dubstep, mischiando generi diversi tra loro hanno creato un sound che della techno ha le basi ma che richiama alla mente sonorità eterogenee tra loro. Innovatori e talent scout, Scuba e la sua etichetta hanno lanciato artisti come George Fitzgerald, Sepalcure e Mount Kimbie.

Nel frattempo il mondo si accorge di Paul Rose, affermandosi come uno dei luminari della musica elettronica inglese. Pubblica tre album, registra un mix per la serie DJ Kicks, suona al Berghain e vince il DJ Mag Best Live Act nel 2013.

Bastian contrario per antonomasia, Scuba ha sempre rifiutato ogni etichetta di sorta, cambiando spesso genere e sound da un album all’altro e stupendo la critica per la sua versatilità. Nel 2008 pubblica A mutual apathy , il suo album di debutto. Nel 2010 rilascia invece Triangulation, album acclamato dalla critica e dal pubblico anche grazia alla sua capacità di percorrere correnti sonore diverse tra loro.

Nel 2011 pubblica poi l’Ep Adrenaline, che in qualche modo anticipa il successivo album Personality, nel quale Scuba per l’ennesima volta cambia genere musicale: la raccolta è infatti segnata da un ritorno a quelle sonorità più spiccatamente house proprie degli anni ’90.

La metamorfosi è in atto, e nel 2014 rilascia una serie di EP intitolata Phenix, caratterizzata da suoni più cupi e spettrali che si fondono con un sound più propriamente da dancefloor.

Nel 2015 pubblica infine Claustrophobia, che segna un ritorno a quelle origini techno che sono parte fondamentale delle radici e del background musicale dell’artista inglese.

Legato alle sue origine e alla sua terra, Paul Rose è in prima linea nella battaglia contro la chiusura del Fabric, club che lo ha visto nascere e crescere artisticamente. Il 21 ottobre sarà disponibile negli store di settore il suo mix per Fabric 90, i cui proventi andranno a finanziare le spese legali che il locale londinese dovrà sostenere.

text by rebel rebel